Dokument-Nr. 7514
Haas, Vinzentia an Benedikt XV.
Untermarchtal, 19. Juli 1921

Personale
Santo Padre,
Prostrata umilmente avanti all'augusto trono della Vostra Santità e seguendo il benevolo consiglio del Nunzio Apostolico, di Sua Eccellenza Monsignore Eugenio Pacelli, io sottoscritta Superiora Generale della Congregazione delle Suore di S. Vincenzo de Paoli, da Untermarchtal nel Württemberg, ardisco di esporre al cuore paterno di Vostra Santità la terribile necessità della mia una volta così fiorente Congregazione.
Una triste situazione finanziaria, cagionata dalla guerra e dalla rivoluzione, opprime la mia Congregazione, la quale è ora molto travagliata dal pensiero come procurarsi il pane quotidiano e come vestire tante centinaia di Suore malate e vecchie, le quali un dì si dedicavano al servizio dei poveri e degli infermi. Persino il mantenimento dell'istituto del Buon Pastore, il quale esiste già da molti anni pel bene delle ragazze pericolanti, è messo a dura prova.
Santissimo Padre: questi pensieri non sono ancora i più gravi, che maggiori di Questi pensieri reca alla mia Congregazione il Margaritaheim; è questo un ospizio per ricevere fanciulli lattanti colle proprie madri. Diversi personaggi competenti hanno fatto pressione alla Congregazione delle Suore di Untermarchtal di aprire un tale ospizio, per offrire ai cattolici ciò che i protestanti avevano già. Dopo lungo vagliare il pro e il contro, la Superiora Generale, volendo favorire gl'interessi cattolici, ha fatto acquisto di una fabbrica, per il prezzo accettevole di 105.000 Mark. Questa fabbrica, per
88v
renderla adatta allo scopo, dovette essere parzialmente cambiata, nonché ingrandita. Al principio del lavoro il materiale di costruzione era acquistabile a prezzo moderato, e la paga giornaliera degli operai non era ancora tanto elevata, di maniera che la Congregazione di Untermarchtal credette di potere intraprendere il lavoro senza molto rischio. Ma subito i salari degli operai e il prezzo del materiale di costruzione cominciarono a salire, e i Superiori si domandavano con ansietà: Che cosa era da fare? abbandonare il lavoro oppure continuarlo? e sempre si decisero per la continuazione. Ed ora il Margaritaheim si trova finito e mobiliato per il suo scopo. Il costo totale di esso ospizio si eleva alla inaspettata somma di 30 milioni di Mark.
Ma, Santissimo Padre! Chi pagherà gl'interessi di questa grande somma? Il Margaritaheim stesso non è in grado di coprire nemmeno le spese correnti; per la ragione che la Congregazione di Untermarchtal non dimanda per le spese di sostentamento prezzi pari a quelli dello stato.
In verità, Santissimo Padre, i debiti delle Suore di Untermarchtal si moltiplicano sempre. Solo l'istituto dei sordo-muti di Gmünd a un deficit annuo di 80.000 Mark.
Di più l'anno scorso fu tolto alle Suore di Untermarchtal il ricovero pei fanciulli ebeti alle. I superiori dovettero cercare un'altra casa, e questa ingrandirla e renderla atta allo scopo prefisso, con una spesa di mezzo milione di Mark.
89r
La Congregazione avrebbe potuto risparmiarsi queste spese, se i superiori avessero licenziati i fanciulli, ma essa non si poteva decidere a questo passo, essendo l'istituto l'unico del genere nel Württemberg, istituto importante per l'istruzione e l'educazione che vengono impartite a questi fanciulli disgraziati. Edificante e consolante è il fatto come questi fanciulli arrivano a conoscere Dio, a prepararsi ai Sacramenti ed ad imparare i diversi mestieri necessari alla vita. Questi fanciulli sarebbero senza dubbio privi di questi grandi benefici se la Congregazione di Untermarchtal dovesse chiudere l'asilo.
Ma, Santo Padre, appunto per queste nuove imprese, del resto necessarie, il debito totale della Congregazione di Untermarchtal è cresciuto poco appresso a 5 milioni e mezzo di Mark.
Le nostre Suore, le quali operano in città e paesi, non avendo altra paga che il necessario per vivere e vestire, mettono la Congregazione di Untermachtal nell'impossibilità di pagare gli interessi di quel enorme debito di 5 milioni e mezzo di Mark, che anzi la Congregazione deve fare ogni dì nuovi debiti pel sostentamento delle Suore vecchie e malate e per l'educazione delle novizie.
Santissimo Padre, dove condurrà ciò se non viene un grande e rapidissimo aiuto? Certamente alla rovina totale della mia benemerita Congregazione.
89v
Prego umilmente che la Vostra Santità si degni di aiutarmi a pagare questo mio insopportabile debito, e di trovare il modo di impedire da una nuova eventuale confiscazione, da parte dello stato tedesco, i miei splendidi istituti, unici nel genere.
Infine supplico Vostra Santità di dare la benedizione apostolica alla Superiora Generale e a tutte le suore della mia Congregazione.
Con sommo rispetto
Della Santità Vostra
devotissima figlia
Sr. Vincentia Haas,
Superiora Generale.
Empfohlene Zitierweise
Haas, Vinzentia an BenediktXV. vom 19. Juli 1921, Anlage, in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 7514, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/7514. Letzter Zugriff am: 25.09.2022.
Online seit 14.05.2013, letzte Änderung am 14.04.2014.