Dokument-Nr. 4201
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
[München], 23. Januar 1924

Schreiber (Textgenese)
PacelliPacelli
Betreff
Sulle elemosine di SS. Messe depositate presso la Bayerische Staatsbank
Durante la guerra ed in seguito sino al Gennaio 1921 le elemosine di SS. Messe, rimesse dalle Curie vescovili e dagli Ordini religiosi a questa Nunziatura, venivano trasmesse col relativo elenco alla S. Sede per mezzo di chèques in lire italiane. In seguito però ai venerati ordini impartiti dall'E. V. R. coll'ossequiato Dispaccio N. B. 15118, esse furono vennero invece depositate successivamente depositate a conto corrente nella Bayerische Staatsbank, dandosene di ciò avviso all'E. V. con sp mediante speciale r apporto, con cui si in rimetteva altresì la relativa scheda. Tale sistema è durato fino a che il S. Padre, accogliendo l'analogo la istanza prima dei Revmi P. Provinciali S. J. della Germania e poi deg dei
8v
Superiori delle Missioni, ha ammesso che tali intenzioni di Messe fossero ad essi destina rimesse. Ora le somme successivamente depositate per conto della S. Sede in esecuzione delle sullodate istruzioni avevano raggiunto coi cogli relativi interessi si elevavano al 1° corrente a Marchi 87.080.000.
Ora la Bayerische Staatsbank ha comunicato a questa col qui accluso Foglio in data di ieri l'altro ha comunicato a questa Nunziatura che, in seguito al deprezzamento del Marco-carta, a partire dal 1° corrente vengono calcolati nei relativi libri soltanto i bilioni coi decimi e centesimi (di bilione). In conseguenza di ciò l'anzidetta somma non rappresenta alcun valore.
Tanto era mio dovere di partecipare senza indugio all'E. V., mentre, chinato
8r, mittig über dem Textkörper von unbekannter Hand notiert, vermutlich von einem Nuntiaturangestellten:"C".
Empfohlene Zitierweise
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 23. Januar 1924, in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 4201, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/4201. Letzter Zugriff am: 27.02.2024.
Online seit 18.09.2015.