Dokument-Nr. 4040
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
München, 21. August 1917

Regest
In einem Brief schreibt der Kölner Kardinal Hartmann bezüglich des deutschen Verhältnisses zum Werk der Glaubensverbreitung in Lyon, dass sich Deutschland keineswegs von Lyon loslösen wolle, die deutsche Filiale in Aachen jedoch Meinungsverschiedenheiten mit dem Diözesankomitee in Straßburg wegen der Publikation einer eigenen Zeitschrift mit dem Titel "Die Weltmission" habe.
Betreff
Sull'Opera della Propagazione della Fede di Lione
Eminenza Reverendissima,
Non appena mi giunse il venerato dispaccio N°. 38760 in data del 7 corr., relativo all'Opera della Propagazione della Fede di Lione, mi diedi premura di rivolgermi all'Emo Signor Cardinale von Hartmann allo scopo <ivi>1 indicato dall'Eminenza Vostra Reverendissima; ed ora compio il dovere di comunicarLe le spiegazioni che ho testé ricevuto al riguardo dal sullodato Eminentissimo.
"Il Consiglio Centrale dell'Opera per la Propagazione della Fede di Lione (così egli mi scrive) ha delle preoccupazioni assolutamente infondate. L'Episcopato tedesco non pensa affatto a staccare la Germania dall'antichissima Opera di Lione, che abbraccia tutto il mondo. Le contribuzioni degli Associati all'Opera in Germania vengono mandate, ora come prima, al Consiglio Centrale di Lione. Ciò è stato impossibile durante la guerra, in conseguenza di una proibizione governativa; perciò le quote degli associati vennero raccolte
11v
nelle singole Curie Vescovili ed il Santo Padre fu pregato di permettere che venissero versate direttamente alle Società per le Missioni tedesche le quote loro concesse. Sua Santità permise ciò per la durata della guerra, poiché dette società non si trovavano in condizioni di poter più lungamente rinunciare a quei soccorsi, che non raggiungevano le somme loro concesse prima della guerra, da Lione.
Con tale preghiera diretta al Santo Padre, non si intendeva però affatto iniziare una separazione da Lione; che anzi, dopo la guerra, i versamenti verranno fatti di nuovo a Lione e si lasceranno a libera disposizione del Consiglio Centrale. Io prego vivamente Vostra Eccellenza a voler portare ciò a conoscenza del Santo Padre, affinché non sorga la parvenza
che io con quella preghiera mi sia reso verso Sua Santità colpevole di una indegna slealtà, della quale non sono capace. L'Episcopato tedesco ha tuttavia il vivo desiderio che, in avvenire, nel Consiglio Centrale di Lione vengano ammessi anche rappresentanti della Germania, come si è fatto nel Consiglio Centrale dell'Opera della S. Infanzia in Parigi. Il Consiglio Centrale di Lione ha finora sempre rifiutato.
Del resto noi non abbiamo col Consiglio di Lione divergenze di sorta. Lo sforzo dei Vescovi tedeschi è diretto
12r
solamente allo scopo di eccitare l'interesse dei fedeli per la propagazione della fede e con ciò di promuovere l'Opera delle Missioni di Lione.
Quest'Opera ha ora, già dal 1832, una filiale tedesca in Aquisgrana – chiamata anche: Opera di S. Francesco Saverio –, la quale è stata riconosciuta da Lione come la Centrale tedesca.
Ancora il 12 dicembre 1909 il Consiglio Centrale di Lione scriveva: La branche allemande de l'Œuvre de la Propagation de la Foi, dont le siège est à Aix-la-Chapelle, ed il 29 ottobre 1909: Comité d'Aix-la-Chapelle, qui représente la Propagation de la Foi en Allemagne. Così pure, il Consiglio Centrale di Lione mandò sempre le nuove disposizioni e le concessioni di indulgenze per l'Opera alla Centrale tedesca di Aquisgrana.
Tra quest'ultima ed il Comitato diocesano di Strasburgo è sorta ora una divergenza. Il Comitato pubblicava in tedesco gli Annali dell'Opera della Propagazione della Fede, i quali vengono distribuiti gratuitamente agli associati. Il Consiglio Centrale di Lione permetteva al Comitato di Strasburgo di coprire le spese di stampa e di posta col denaro dell'Opera, senza perdere, perciò, le Indulgenze.
Però, poiché gli Annali – come è riconosciuto universalmente – malgrado le sempre ripetute proposte – non basta-
12v
vano neppure alle più moderate richieste, la Centrale di Aquisgrana decise di rinunciare agli Annali, i quali – come sopra si è detto – vengono distribuiti gratuitamente ai soci dell'Opera –, e di pubblicare un nuovo periodico: Die Weltmission (La missione mondiale), il quale nel frattempo ha trovato assai larga diffusione. Le spese di tale pubblicazione, però, non vengono prese dal contributo dei soci da versarsi a Lione.
Riguardo a questa divergenza, l'Episcopato tedesco non ha preso ancora una decisione.
Del resto tale divergenza esiste non fra Aquisgrana e Lione, ma fra Aquisgrana e Strasburgo, dove, frattanto, gli Annali, non giunti da Lione, per iniziativa propria e senza permesso di Lione, sono stati cambiati, aumentati e pubblicati in forma di rivista mensile.
Tutto questo affare non ha nulla a che vedere con velleità di distaccarsi da Lione: e l'Episcopato tedesco ha solamente lo scopo – coll'aiuto della Centrale di Aquisgrana - di promuovere l'Opera di Lione e (come già si è notato) di eccitare l'interesse dei fedeli a lui affidati in favore dell'Opera della Propagazione della Fede.
Spero che queste comunicazioni metteranno Vostra Eccellenza in grado di dissipare tutte le preoccupazioni sorte in proposito a Roma ed a Lione".
Dopo di ciò, chinato al bacio della S. Porpora con sensi di profondissima venerazione, ho l'onore di ripetermi
dell'Eminenza Vostra Reverendissima.
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
11r-12v: Anfang und Ende des zitierten Briefes von Hartmanns sind hds. angestrichen, vermutlich vom Empfänger.
1Nachträglich masch. eingefügt.
Empfohlene Zitierweise
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 21. August 1917, in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 4040, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/4040. Letzter Zugriff am: 29.11.2022.
Online seit 24.03.2010, letzte Änderung am 29.09.2014.