Dokument-Nr. 8646

Wilhelm II. von Preußen: Rescritto imperiale al Governatore generale in Varsavia, 12. September 1917

[Übersetzung]
Il mio illustre alleato, Sua Maestà Apostolica I. e R., ed Io, ci siamo decisi a compiere un nuovo passo nella erezione dello Stato polacco, del quale gettammo le basi col Nostro proclama del 5 novembre 1916. Il duro stato di guerra non consente ancora, purtroppo, che un Re riconduca l'antica corona polacca a nuovo splendore, e che una rappresentanza popolare, sorta da elezioni generali e dirette, inizi le sue discussioni per il bene del Paese. Fin d'ora però Noi vogliamo mettere il pubblico potere essenzialmente nelle mani di un Governo nazionale, mentre i diritti e gl'interessi del popolo dovranno essere affidati ad un nuovo Consiglio di Stato composto da un maggior numero di membri. Le Potenze occupanti si riserveranno, conformandosi sostanzialmente alle richieste dei fiduciari del Paese, solo i diritti che lo stato di guerra esige.
Io spero che questo nuovo passo sulla via dell'attuazione di uno Stato polacco indipendente si riveli, nei suoi ulteriori effetti, benefico, e faccia sì che il Paese, tenuto forzatamente addietro per tanti anni dalla dominazione russa e impedito nel suo sviluppo politico, civile ed economico, si avvii verso un avvenire di pace e di prosperità per l'energia dei suoi stessi abitanti e grazie all'unione, liberamente scelta, cogli Imperi Centrali, che in fedele amicizia lo sostengono.
Io La incarico, quindi, di promulgare insieme con l'I. e R. Governatore militare austro-ungarico in Lublino la qui acclusa "Patente" (legge fondamentale) sul pubblico potere nel Regno di Polonia.
Dal Gran Quartier generale, 12 settembre 1917
firmato: Guglielmo I. R.
Empfohlene Zitierweise
Wilhelm II. von Preußen, Rescritto imperiale al Governatore generale in Varsavia vom 12. September 1917, Anlage, in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 8646, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/8646. Letzter Zugriff am: 26.11.2022.
Online seit 24.03.2010, letzte Änderung am 10.09.2018.